S. Antonio da Padova

Oratorio dedicato a san Antonio Oratorio dedicato a san AntonioL’oratorio dedicato a Sant’Antonio da Padova
L’oratorio fu edificato verso la metà del 1600 da Giovanni Gobbato figlio di Francesco, proprio all’incrocio dell’attuale via Indipendenza con la stradina che porta alla frazione di Schievenin
Durante la prima guerra mondiale fu devastato dai bombardamenti. Ricostruito, è stato nel tempo ristrutturato ed abbellito internamente, grazie agli interventi dei volontari del Gruppo Alpini locale. Nel 1950 una targa marmorea, posta nel pavimento dell’oratorio, ricorda i grandi lavori di ristrutturazione avvenuti in occasione dell’anno santo. In questi ultimi anni sono state rinforzate ed impermeabilizzate le fondamenta esterne; sono stati rinnovati gli arredi interni, tinteggiate le mura interne e le porte e sistemato l’impianto autonomo di illuminazione. Anche l’area esterna all’oratorio è stata abbellita con un intervento di allargamento dell’incrocio stradale, la costruzione di un piccola e graziosa piazzola con panchine, aiuole ed una fontanella. Ogni anno l’oratorio diviene meta di pellegrini in occasione della “tredicina” dedicata al Santo. Il volontariato locale, che collabora con la parrocchia, organizza il 13 giugno, dopo la santa messa, una festicciola locale con un ricco pic nic a base di bigoi in salsa ecc.

(Fonte: Cése e Césete del Comune di Quero di Alberto Coppe – ed. DBS Seren del Grappa (BL))

cesecesete